Premio Arte e Cultura Siciliana "Ignazio Buttitta" - XIX Edizione
Poesia "Un muzzicuni d'apa" - 2 Premio - Favara (Ag)

 

bothome.jpg (4069 byte)

 

 


Un muzzicuni dapa

 Vulssi, ca napa, la riggna,
di lu t amri tutta china,
lu cori mi pungssi st jurnata
pi ristri nchiu n simanta.

 La genti po maddumannssi:
chi sccssi?... Nun si scantssi!
Senza sapri c mmnti m!
Mi facissi muzzicri arr.

 Dun pratu di sciuri, ntr jornu,
svvicina e mi gira ntornu,
si posa nn lu pettu e vola,
lassa lu s amri e mi cunsla. 

 

 

Di lapi , si la megliu, si la riggna
muzzicna dunaminni n duzzina.
Lu vilenu chi mi lassi su vasti,
su comu lu meli, duci e nzuccarti. 

Pncimi tuttu, nunavri timri,
lssami d gcci di veru amri,
rsu lu m cori, fallu dissitri
dnacci lu meli e fallu sazziri. 

 Resta! Resta! Nun t nn iri!
Asctami! Nun mi fari suffiri!
Mzzicami forti, nun dulri!
Di la t morti nasc lamri.  

             
    2007  Giuseppe Cardella

 

TRADUZIONE

Un morso dape 

Vorrei che lape regina,
tutta intrisa del tuo amore,
oggi mi pungesse il cuore
per rimanere gonfio una settimana. 

Le persone, mi chiederebbero:
che successo?  Non abbia paura.
Loro non sanno che, nella mia mente,
mi farei mordere ancora. 

Un giorno, in un prato di fiori
si avvicina, mi gira intorno,
si posa sul mio petto e poi vola.
Depone il tuo amore e mi consola 

 

 

 

Delle api, sei la migliore, sei la regina
morsi dammene una dozzina,
il veleno che mi lasci per me sono baci
zuccherati come il miele. 

Mordimi tutto, non avere timore,
lasciami due gocce di vero amore,
arso il mio cuore, fallo dissetare
dagli il miele e fallo saziare. 

Resta! Resta! non andartene!
Ascoltami! Non mi fare soffrire!
Mordimi forte, per me non dolore
dalla tua morte nato lamore. 

                    2007 Giuseppe Cardella